Novità in libreria

Il sangue dei Malaspina

(I processi Malaspina - 1877-1883)

collana "La Corte! Processi celebri teramani", n. 31,  Artemia Nova Editrice, Mosciano Sant'Angelo, 2017, pp.146,

euro 12,00

  

Brutta gente i Malaspina! C’era chi ne aveva paura e chi non li poteva vedere. Pochi avevano piacere ad averci a che fare e quasi tutti cercavano di evitarli in ogni modo. A Ponzano, una delle frazioni di Civitella del Tronto, c’era chi si faceva il segno della croce al solo sentirli nominare. Erano scontrosi, maldicenti, sprezzanti con tutti e non poche volte violenti. Tra Giuseppantonio e Gaetano, figli del vecchio Berardino, non sempre lucido, le liti erano continue e furibonde. Non poche volte vennero alle mani, finché la mattina dell’8 gennaio 1877 avvenne il fattaccio, con una fucilata che ruppe il silenzio di una fredda notte. Chi aveva sparato a Gaetano, per fortuna non mortalmente? Giuseppantonio, come dicevano lo stesso ferito e le sue sorelle Maria e Carolina?

Il 13 giugno 1882 la tragedia in casa Malaspina arrivò con la notizia del ritrovamento di un cadavere semi-bruciato nel campo di grano di un certo “Chiappino”. Chi era il morto? Giuseppantonio Malaspina, assente da casa da qualche giorno? E se era lui, chi lo aveva ucciso? E dove? Non nel luogo dove era stato ritrovato. Chi e perché aveva sparso il sangue dei Malaspina?

 

info@teramoingiallo.it